Tremate tremate, le streghe son tornate! Intervista a Connie Furnari

E finalmente dopo un periodo di assenza – non è colpa nostra siamo andati ad aiutare gli Umpa Lumpa – torna anche Fantasy off Air, con le sue interviste off line. A inaugurare questa nuova stagione ci siamo fatti “stregare” dal fascino di Connie Furnari e del suo Stryx – Il marchio delle strega, pubblicato da Edizioni della Sera.

Fra streghe, incantesimi, intrighi e delitti, ecco cosa Connie ci ha raccontato.

Enjoy the interview!!


Autore
: Connie Furnari

Titolo: Stryx. Il marchio della strega

Editore: Edizioni della Sera

Pagine: 292

Isbn: 978-88-97139-04-1

Prezzo: 12 euro

Stryx. Il marchio della strega. Dopo aver vissuto in Inghilterra, Sarah, una potente strega, torna a Salem decisa a ricominciare una nuova vita senza la magia. Inaspettatamente, giunge la sorella minore: Susan, strega intrigante e perversa che ha scelto di passare al lato oscuro per la sete di potere, determinata a sconvolgere l’esistenza di Sarah e degli ignari studenti del liceo di Salem. La vita scolastica si rivela fin da subito molto più dura del previsto. L’unico apparentemente interessato a conoscerla è un giovane dai grandi occhi grigio azzurro: Scott. Il solo ad essere in grado di risvegliare in lei antichi sentimenti che credeva ormai essere assopiti. Ma Salem ben presto comincerà ad essere sconvolta da numerosi delitti inspiegabili, il cui unico filo conduttore sarà un marchio a forma di “S” posto sulle vittime. Le strade della cittadina diventano pericolose trappole mortali, e a Sarah non resterà altro che affrontare il suo oscuro passato per poter salvare le altre giovani streghe e se stessa.

Connie Furnari è nata a Catania il 6 Dicembre 1976. Laureata in Lettere, ha vinto numerosi premi con le sue poesie e ha pubblicato racconti in diverse antologie. Da sempre appassionata di scrittura e di cinema, adora leggere, disegnare fumetti e dipingere quadri. Scrive fiabe per bambini, fantasy,urban fantasy e paranormal romance.

 

Ciao Connie,

come prima cosa un grosso benvenuto dallo staff di Fantasy on Air fra le pagine del nostro blog. Ti invitiamo ad accomodarti e fare come se fossi a casa tua. Preferisci thé o caffè?

Grazie della calorosa accoglienza, preferirei caffè, molto zuccherato!

Ora che abbiamo rotto il ghiaccio avrai capito che da questa intervista non hai nulla da temere, siamo un po’ pazzi sì, ma sempre nell’accezione buona del termine. Cominciamo a conoscerci. Chi è Connie Furnari? Scrivi il tuo necrologio per presentarti.

“Qui giace Connie Furnari, scrittrice di romanzi urban fantasy e paranormal romance, amante dei libri, e pittrice appassionata”

Parliamo di Stryx. Il marchio della strega, il tuo libro uscito quest’anno con Edizioni della Sera. Per chi non lo conoscesse hai voglia di raccontarci brevemente le trama?

È la storia di due sorelle, la dolce Sarah e l’irruenta Susan, due streghe che ritornano a Salem dopo più di 300 anni, dopo essere morte sul rogo, nel 1685. La città verrà sconvolta da inspiegabili delitti e le due ragazze scopriranno che si tratta dei cacciatori di streghe, pronipoti dei puritani che le avevano condannate.

Come nasce l’idea di Stryx? Cosa ti ha spinto a scriverlo?

La magia mi ha sempre appassionata moltissimo, mi sono chiesta cosa sarebbe accaduto se una vera strega vissuta all’epoca dei puritani fosse costretta a vivere nella nostra era.

Ogni scrittore a sua volta è stato lettore, quali sono i libri o gli autori che ricordi con più affetto?

Due in assoluto: Michael Ende l’autore de “La storia infinita” e J.K.Rowling, la mamma di “Harry Potter”

Stryx è ambientato a Salem e i suoi personaggi appartengono a un mondo di matrice prettamente anglosassone (Salem, l’Inghilterra del XVII secolo), se dovessi ambientare un romanzo nella tua terra come sarebbe? Potrebbe Sarah vivere a Catania nel 2012? E in tal caso come sarebbe?

Sì, Sarah potrebbe facilmente vivere a Catania: la immagino in una località di mare, così la notte potrebbe solcare l’oceano a cavallo della sua scopa volante! Susan invece, sicuramente andrebbe in giro per pub e discoteche tutte le notti.

In un periodo in cui vampiri e licantropi sembrano andare per la maggiore, cosa ti ha indotto a parlare di streghe? Cosa ti affascina di questa figura?

Credo che ci siano fin troppi romanzi sui vampiri e sui licantropi, e la maggior parte delle autrici si scopiazzano l’una con l’altra, il risultato sono storie quasi uguali sugli scaffali delle librerie. Con Stryx ho voluto creare una storia che racchiudesse il vero senso di urban fantasy: Sarah e Susan sono tipiche ragazze adolescenti e parlano in modo semplice e schietto. I due ragazzi invece, ovvero Scott e Marco, si comportano come reali liceali: impulsivi, a volte violenti, ingenui o maliziosi a seconda dei casi.

Se fosse possibile, baratteresti mai la tua vita con quella di Sarah? E se invece potessi fare una sorta di scambio, cosa prenderesti di lei e cosa le lasceresti di te?

Non credo cambierei la mia vita con quella di Sarah perché la sua magia comporta una grandissima responsabilità. Darei a Sarah un po’ di impulsività perché a volte è troppo riflessiva. Da lei prenderei il potere di volare sulla scopa, da Susan invece la sua stupenda Porsche sportiva, rossa fiammante!

Ricordi il giorno in cui ti è stato comunicato che il tuo romanzo sarebbe stato pubblicato? Ce lo racconti? Cosa hai provato?

È stato fantastico, un’emozione unica! Sulle prime ho pensato che non fosse vero, poi ci ho creduto, consapevole che il sogno di una vita si era finalmente concretizzato.

Se dovessi dare un consiglio a chi si accinge a prendere la penna in mano per scrivere un romanzo e volesse poi pubblicare, quale sarebbe?

Naturalmente per prima cosa, legge e rileggere il proprio manoscritto: tutti i romanzi presentano errori e l’editing non è mai abbastanza! Poi consiglierei di spedire il romanzo a case editrici non a pagamento, perché solo così lo scrittore potrà sapere se il suo romanzo vale. Bisogna rifiutare l’editoria a pagamento, sono solo copisterie che pubblicano anche testi impubblicabili e pieni di errori. Se uno scrittore crede nella propria opera sceglie automaticamente un editore free, bisogna avere il coraggio di rischiare.

Progetti per il futuro? Cosa bolle nel calderone? Sono in preparativo nuovi libri?

Ho in cantiere un paranormal romance sugli angeli dannati, ambientato a Londra durante l’epoca vittoriana, lontano dalle atmosfere adolescenziali di Stryx; una storia dark e sensuale, dai toni biblici e oscuri… Un romanzo che piacerà sicuramente ai romantici e agli amanti dell’horror!

Se qualcuno volesse contattarti, può farlo? Come?

Certo! Mi fa sempre piacere ricevere le mail dei lettori! La mia mail ufficiale è: conniefurnari@hotmail.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ascolta R.I.D.
marzo: 2012
L M M G V S D
« Gen   Apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031