vampiri

Chattando con Monica di Battista: quattro chiacchiere su “Sfigabella e il Vampirozzo”

Questa volta la redazione di Fantasy On Air ha deciso di sfidarsi e di trovare qualcuno altrettanto fuori di testa. L’impresa all’inizio sembrava ardua ma poi ci è capitato fra le mani Sfigabella e il Vampirozzo di Monica di Battista edito da UR editore: quando si dice il destino!! Dopo esserci ammazzati di risate nel leggere Sfigabella, l’abbiamo contattata e preso accordi per intervistarla. Eravamo quasi pronti a inviarle le domande, quando lei ci ha raggiunto in chat. Potevamo farci scappare questa occasione? Ignara Monica ha accettato di trasformare l’intervista in una chattata (se ne sta ancora pentendo…). Due ore di tortura ed ecco qui il risultato: Monica è pazza quanto noi!! Questo ci piace!!!

Se avete amato Twilight o se lo avete odiato ma anche se ne avete solo sentito parlare (sì, sì, ci stiamo credendo che il film non l’avete visto…), gustatevi l’intervista qua sotto e, se non l’avete ancora fatto, immergetevi nelle pagine di Sfigabella e il Vampirozzo per qual è la REALE storia di Bella ed Edward!

 

FOA:  Benvenuta, prima di tutto, in Fantasy on Air. Sei proprio masochista, non avevi niente di meglio da fare che farti intervistare da dei fuori di testa come noi? Sai che è a tuo rischio e pericolo vero?

Moki77:  Io adoro i fuori di testa perché lo sono anche io!!! Quindi sono prontissima

FOA:  Abbiamo notato, abbiamo notato… e già ci piaci. Senti parlaci un pochino di te, cosa fa Monica di Battista quando non immagina vampiri?

Moki77:  Lavora come un somaro!! La mattina mi occupo di gestione del credito in un’azienda, il pomeriggio curo due bimbe e la sera scrivo articoli per Best Movie e per Twilight Fans Italia che è il sito che gestisco insieme a delle care amiche. Insomma non sto ferma un attimo!

FOA:  Vita impegnativa… e qui ti volevamo, ma con tutte le cose che hai da fare, come ti è venuta anche l’idea di scrivere anche un libro? Per la serie, “mah ho ancora 2 orette che mi avanzano, perché dormire, scriviamo…”

Moki77:  Ahahaha esatto!

No in realtà è nato come gioca tra fans. Un giorno ho avuto modo di incontrare delle ragazze con cui mi scrivevo sempre su un forum tematico di Twilight, ne sono uscite una serie di stupidate che mi hanno spinto a provare a parodiare la Saga il sostegno di quelle ragazze è stato incredibile e fondamentale senza di loro non mi sarei mail lanciata in questa avventura

FOA:  Quindi hai avuto da subito il supporto delle fans di Twilight (ricordiamo che sei l’ideatrice e la fondatrice del Twilight Fans Italia). Non hai avuto neanche per un momento il timore che le adoratrici dei Cullen avrebbero reagito male e avrebbero tentato di esporti al sole?

Moki77:  Assolutamente si! temevo mi rigassero la macchina!!! Invece molte di loro si sono dimostrate spiritosi e molto supportive. Qualche estremista che storce il naso c’è ma alla fine va bene così

FOA:  Beh hai tutto il nostro appoggio, Sfigabella è esilarante. Nel caso ti rigassero la macchina ti prestiamo il crick per vendicarti!! Hai comunicato la notizia sul sito o l’hai tenuta segreta fino all’ultimo?

Moki77:  L’ho resa pubblica solo quando ho avuto la certezza che il progetto sarebbe andato in porto, sai com’è un po’ di scaramanzia non guasta mai…

FOA:  Giusto, anche se noi non siamo scaramantici… oh azz.. è passato un gatto nero sotto la scala, versando l’olio… lancia il sale, lancia il sale… ehm ehmm scusa piccoli problemi tecnici… dicevamo di Sfigabella… hai parlato di Saga, come del resto lo è Twilight, ciò significa che stai scrivendo anche gli altri libri? Riuscirà Sfigabella a consumare con il suo amato Eduard dal ciuffo portentoso? Anche con Carlail non sarebbe male…

Moki77:  Ho scritto i primi capitoli della parodia di New Moon che si intitolerà “Sfigabella e i Lunatici” sono arrivata fino al famigerato abbandono per ora e devo dire che ho provato una certa soddisfazione a sorridere di una delle parti più tristi e pesanti della Saga hihihih

Sulla pubblicazione per ora non mi sbilancio ma diciamo che ci sto lavorando

FOA:  Incrociamo le dita, incrociamo le dita!!!

Moki77:  Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeee

FOA:  Per quanto riguarda i personaggi, tolto Carlail che per noi che non apparteniamo più agli enti è sicuramente il più appetibile (termine giusto visto che parliamo di vampiri), qual è il tuo preferito?

Moki77: Io sono da sempre Team Alice: è in assoluto la migliore!! Solare, modaiola e per niente paranoica, insomma un toccasana-

FOA:  Che però sta con “paletto Giasper”… Rosalie non ti piace tanto vero?

Moki77:  Bah Rosalie incarna la figona stronza per cui si fa fatica a sostenerla anche se in Breaking Dawn si riscatta un pochino. Con la parodia mi sono vendicata spacciandola per trans hahaha

FOA:  ahah sì bellissima vendetta. Abbiamo apprezzato anche noi!! Hai sempre saputo di avere questa grande capacità comica o è stata una sorpresa?

Moki77:  Assolutamente no ed ogni volta che rileggo un capitolo appena parodiato mi sorprendo di quanto riesco ad essere scema! Non sono cose su cui medito, mentre scrivo vengono fuori da sole. A pensarci bene è un tantino inquietante hahah

FOA:  Beh allora complimenti! Sei un talento naturale, una forza della natura. Fra l’altro una delle grandi qualità del libro è la tua capacità di non scadere mai nel volgare ma di far ridere in modo semplice, pulito. Sfigabella è il tuo primo libro? Avevi mai pensato di diventare una scrittrice prima?

Moki7: È  la prima volta che mi cimento in una cosa del genere, ho sempre adorato leggere ma mai e poi mai ho pensato di essere anche in grado di scrivere. Diciamo che la Saga si è prestata bene ad essere parodiata perché offre tanto sotto testo su cui si può giocare, in altri ambiti non so se sarei all’altezza anche se – molto umilmente – mi piacerebbe provare un giorno

FOA:  Che genere di libri ti piace leggere? E che genere di libri ti piacerebbe scrivere? Insomma di quale personaggio desidereresti tanto fare la parodia?

Moki77:  Leggo di tutto, qualsiasi genere dal fantasy, al comico, al romanzo, ai grandi classici (adoro Jane Austin). In questo periodo mi sta ronzando in testa un’idea sui rapporti difficili tra uomo e donna, insomma una sorta di manualetto divertente su come sopravvivere a certi elementi diciamo. Chissà che magari davvero un giorno mi metterò a scriverlo. Comunque, per tornare alla domanda, al di la della saga di Twilight non so cosa potrei parodiare perché in realtà non tutto si presta bene… vi immaginate se provassi a parodiare, che so, libri stile “50 sfumature?”

Tremo al pensiero…. forse però Hunger Games…

FOA:  Ti preghiamo, ti preghiamo, daccene un assaggio!!! E una parodia di Jane Auster? Come sarebbe?

Moki77:  No la Austen è un mostro sacro!!! Ci hanno già provato con “Orgoglio, Pregiudizio e Zombie” e devo dire che non è stato un granché… ma Hunger Games qualche spunto lo offre dai, immagino i possibili alterchi tra Peeta e Katness, oppure l’allenatore ubriacone che invece di cadere dal palco fa un rutto in dolby surround e strappa tutti i capelli ad Effie, insomma cose così heheh, provate a pensare a Katniss che sbaglia a prendere la mira con la freccia nell’arena e invece di colpire un nemico centra Peeta negli zebedei… non credo che lui la prenderebbe  benissimo!!!

FOA:  Ahahhaha

Moki77: Sscherzi a parte non so davvero cosa sarei in grado di parodiare

FOA:  Beh ci sembra che tu riesca benissimo a farlo con qualsiasi cosa, pure improvvisando! Davvero complimenti! Ritornando seri (e mo’ ci crediamo, sì, sì)… nel libro ci sono anche molte illustrazioni ad opera di  Rossella Piccini. Com’è stato lavorare con lei? Avete creato in sincrono o le hai dato il libro e detto “arrangiati”?

Moki77: Ssiete troppo buoni!

Rossella è una mia carissima amica da 20 anni ed è una meravigliosa professionista le ho mostrato prima i volti degli attori che impersonificavano i vari personaggi del libro e poi le ho fornito quella che volevo fosse la loro caratterizzazione nella parodia lei ha capito subito cosa volevo e nel giro di breve sono nati i nostri personaggi in Sfigabella e i Lunatici ce ne saranno di nuovi come Charlie e i Volturi penso proprio che sarà diverte cerare anche loro li ho già tutti in mente

FOA:  Stai davvero stuzzicando la nostra curiosità.. Soprattutto su i Volturi… non ti chiediamo anticipazioni solo perché sappiamo già che sarà una goduria ritrovarli in Sfigabella e i Lunatici. Ma se avessi la possibilità di incontrare la Meyer, cosa le diresti?

Moki77:  Le direi solo GRAZIE perchè con la sua semplicità ha creato un rifugio speciale per tutti quelli che avevano voglia e bisogno di sognare. Con la sua storia è riuscita a stimolare la creatività di tante persone e a smuovere davvero fiumi di gente che grazie a lei ha stretto amicizie e fatto esperienze che rimarranno per sempre nel cuore. Io sono una di quelle e per questo le sarò infinitamente grata, e poi la supplicherei di scrivere ancora qualcosa della Saga, Midnight Sun in primis ma anche un sequel di Breaking Dawn sarebbe molto gradito

FOA:  Beh Midnight Sun è Twilight visto da Edward… come pensi che Eduard parlerebbe di Sfigabella?

Moki77:  HAHAHAHAHAHA non posso svelarlo ma anche in questo caso sappiate che nella mia mente malata è già tutto ben delineati. Vi dico solo di provare ad immaginare cosa verrebbe fuori quando lui la spia mentre dorme… un accenno l’ho già dato in Sfigabella, li poi mi scatenerei alla grande!

FOA:  Ahahhaha…. OMG ci si è stampata un’immagine in testa!! ahahahha. Allora attendiamo anche quello!  Ritornando seri (ci riproviamo ma come puoi notare ci riesce poco). Parte del ricavato del libro è stato devoluto alla Fondazione P.U.P.I., come mai questa scelta? Hai voglia di parlaci della fondazione o preferisci che facciamo copia e incolla dal risvolto di copertina?

Moki77:  PUPI è un’associazione che si occupa di aiutare bambini e ragazzi che altrimenti non avrebbero un futuro, che non hanno nulla e vivono in mezzo a violenza e delinquenza. L’Associazione fornisce loro un’alternativa di vita che spesso per loro significa proprio avere una vita. Tanti hanno la stessa età di target che segue la Saga solo che non si possono prendere il lusso di sognare e quindi ho pensato che nell’ottica di regalare un sorriso sarebbe stato bello poterlo fare non solo con i fans ma anche e soprattutto con chi purtroppo ha poco per cui sorridere. Il meccanismo è semplice: comprando la parodia ci si regala un sorriso perché è leggera e soprattutto lo si regala a questi ragazzi visto che parte del ricavato a andrà a loro. A volte basta davvero poco per fare qualcosa…

Se mai riuscirò a pubblicare la parodia degli altri 3 libri della saga anch’essi saranno legati ad altrettanti progetti benefici, ci tengo molto a questo aspetto

FOA:  Davvero complimenti Monica, ci dimostri che dietro a un grande talento comico batte un grande cuore. Il tuo è un messaggio importante che ci sentiamo di sostenere, motivo per cui ti auguriamo di vendere tantissimo e di produrre anche il resto della saga.

Moki77:  Grazie di cuore a voi

FOA:  C’è qualcosa che ancora non ti abbiamo chiesto (oltre ai contatti ma quelli sono di rito la domanda finale) e che ti piacerebbe tanto far sapere? Qualche curiosità…

Moki77:  Uhmmmm… in realtà penso che ci siamo dette tutto, magari, se non è un problema ovviamente, un aneddoto carino che spiega un po’ la faccenda dei rapporti che si sono creati tra fans riguarda il casting come comparse di New Moon. Eravamo tutti a Montepulciano per fare questo casting. All’epoca io pubblicavo Sfigabella su un forum a puntate. Mentre eravamo un coda una ragazza di nome Valentina Patrocchi mi ha sentito parlare, si è voltata verso di me e mi ha chiesto “scusa, ma per caso tu sei quella di Sfigabella?”. Alla mia risposta affermativa mi ha buttato le braccia al collo e mi ha ringraziato per tutte le risate che le avevo regalato in un momento non felicissimo. È stata la soddisfazione più grande che abbia mai avuto e ad oggi è una delle mie più care amiche. Questa è la magia della passione

FOA:  Beh vedi, ci hai spiazzato di nuovo… noi che volevamo liquidarti alla Marzullo “si faccia una domanda e si dia la risposta” e tu ci racconti una bellissima storia. Inoltre ci fai venire in mente ancora una cosa da chiederti… se dovessi fare il casting di Sfigabella, a parte Pattinson che come Eduard è perfetto, sceglieresti gli stessi attori di Twilight o cambieresti qualcuno?

Moki77:  Sapete che vi dico? Sarebbe favoloso vedere gli attori “originali” cimentarsi in questa cosa! Chi meglio di loro potrebbe prendersi gioco del personaggio che interpretano? E poi ce ne sono un paio che sono sicura potrebbero darci grandi soddisfazioni hahaha

FOA:  Tipo Esme?

Moki77:  Esme chi? ahaha no scherzi a parte sono certa che Jackson Rathbone (Jasper), Kellan Lutz (Emmett) e soprattutto Robert Pattinson sarebbero fenomenali nella caricatura dei loro personaggi. Pattinson soprattutto ha una vena comica innata…

FOA:  Come ogni inglese che si rispetti in effetti…  Bene, credo davvero che ti abbiamo chiesto tutto, ultimissima cosa: se qualcuno volesse contattarti o sapere qualcosa in più di te, dove/come può trovarti?

Moki77:  al mio indirizzo mail moki779@gmail.com, oppure sulla pagina ufficiale di Sfigabella su Facebook.

Grazie infinite per il vostro tempo davvero, siete stati carinissimi

FOA:  Grazie e te per la disponibilità e la simpatia!! Ti facciamo davvero i migliori auguri per questo libro, per gli altri e per tutti i progetti che ti frullano in testa. Dobbiamo ringraziarti, ci hai regalato delle ore di vero divertimento e piacere con Sfigabella!! Continua così.

Autore: Monica di Battista

Titolo: Sfigabella e il Vampirozzo

Editore: UR editore

Anno: 2012

Pagine: 190

ISBN: 978-8897547082

Prezzo: € 11,70

Sfigabella e il Vampirozzo: Sfigabella è una normale adolescente alle prese con ormoni, goffaggini e seccature scolastiche. Stanca di fare il moccolo, si trasferisce dal padre, in un paesino di poche anime. Ad attenderla un destino ingrato, sancito dall’incontro con il giovane, forse non troppo, e poco perfetto, Vampirozzo Kallen. Tra tentazioni e istinti irrefrenabili questa parodia farà sorridere anche il più accanito dei Twifans. Un’opera dissacrante scritta da una Twilighters che ha letto mille e mille altre volte ancora la saga dei vampiri più famosa del XXI secolco. Sfigabella e il vampirozzo è l’opera d’esordio di Moky77.

 

 

Amabile Giusti ci racconta il suo Cuore Nero

Ancora primo giorno di Lucca Comics & Games e, mentre Francesco Barbi ci saluta, fuori dai nostri studi scoppia l’inferno. Tutti pazzi per Il Burattinaio? Ben presto tuttavia ci rendiamo conto che le urla delle ragazzine fuori dal padiglione, che accoglie noi e la sala conferenze Ingellis, non sono né per il caro Francesco né per il nostro prestante tecnico, ma per i gemelli Phelps, alias Fred e George Weasly di Harry Potter. La sicurezza si mobilita, i fotografi corrono e intanto ci rendiamo conto che raggiungere i nostri studi, per gli ospiti, sarà un’impresa titanica. Come se questo potesse fermarci. Mentre Clo e Muscy mandano avanti al diretta, Laura indossa la tutina da Wonder Woman e si precipita, attraverso passaggi non segnati neanche sulla mappa del malandrino, a recuperare Amabile Giusti. Dopo un’estenuante ricerca e un’altrettanto faticosa fuga dalle fan in delirio, le due giovani donzelle giungono alla studio sane e salve. Ha così inizio l’intervista ad Amabile Giusti, autrice di Cuore Nero, pubblicato dalla Dalai editore.

Andiamo matti per i piani ben riusciti!!!

 Autore: Amabile Giusti

Titolo: Cuore Nero

Editore: Dalai editore

Pagine: 528

Prezzo: € 22,00

Isbn: 9788866200758

Cuore Nero: A diciassette anni ci si può imbattere nel vero amore? È ciò che si chiede Giulia quando quel sentimento irrompe nella sua vita. Prima di allora era una ragazza indipendente, segnata dal burrascoso divorzio dei genitori, con una visione tutt’altro che romantica dei rapporti sentimentali. Finché non si prende una cotta tremenda per Max, un compagno di scuola, e la sua razionalità inizia a vacillare. Lei, di solito brillante e decisa, si sente stupida e confusa. Eppure lui è fin troppo pieno di sé, non il suo tipo, anche se è terribilmente attraente, e Giulia fa di tutto per reprimere le proprie emozioni e dimenticare la loro breve, insignificante storia. Una sera, mentre porta a passeggio il cane, incontra Victor, un ragazzo dall’accento francese che, sbucato dal nulla, le dice di essersi trasferito a Palmi da poco con la madre e la sorella. Biondi e pallidissimi, i tre sembrano avvolti da un mistero: escono solo di notte e abitano nella Villa dell’Agave, una vecchia casa dalla fama sinistra.

Da quel momento, inaspettatamente, Max ricomincia a corteggiarla, e non solo: fa di tutto per metterla in guardia da Victor, come se sapesse qualcosa sul suo conto che non può rivelarle. Come mai i due si conoscono? Perché si detestano? Cosa nascondono entrambi?  Tascinata da una passione irrefrenabile, Giulia piomberà in un mondo che credeva relegato alla leggenda e alla fantasia, un mondo abitato da esseri misteriosi assetati di sangue, che attraversano i secoli lottando per sopravvivere. E scoprirà che amare un vampiro è una dannazione, un desiderio proibito, ma sceglierà di correre il rischio a qualunque costo. Anche se sa di essere una preda. Perché se vivere con lui è difficile, vivere senza di lui è impossibile.

Amabile Giusti è nata in Calabria ed è lì che vive ancor oggi: proprio sulla punta dello stivale, fra il mare e la montagna, vicino a una distesa di verde che, vista dall’alto, sembra la sagoma di un cavalluccio marino.
Ha frequentato il liceo classico e si è laureata in Giurisprudenza. Fa l’avvocato ma non si sente avvocato. Scrivere è la sua vita vera, al di fuori degli schemi imposti dal linguaggio secco e avaro del diritto. Si addormenta la sera sognando di scrivere, si sveglia la mattina con lo stesso chiodo fisso in testa, non è escluso che perfino davanti a un giudice, mentre perora una causa, la sua mente divaghi pensando a come plasmare una storia o finire un capitolo.
Dunque non sceglietela come avvocato, scriverebbe una citazione pensando alle favole!
È un tipo che ascolta molto e parla poco ma quando scrive non si ferma più…
Se volete farla contenta regalatele un saggio su Jane Austen, un ninnolo di ceramica (preferibilmente blu), un manga giapponese, o una piantina grassa (più spine ci sono meglio è). Preferibilmente tutti insieme.
Spera di invecchiare lentamente (perché questo pare sia l’unico modo per vivere a lungo…) ma mai invecchiare dentro! Dentro avrà sempre un’età con poco passato e molto futuro e scarsa saggezza.

Potete ascoltare QUI l’intervista cliccando su Fantasy on Air n° 20 – 1° giorno a Lucca C&G 2011

Luca Buggio e “La danza delle marionette”

I vampiri sono considerati loschi figuri che succhiano sangue o romantici e tormentati seduttori. Non è il caso di Angus, protagonista de La danza delle marionette di Luca Buggio, un vampiro vendicatore, legato al mondo del volontariato.
Può una creatura della notte difendere i deboli e punire i malvagi?

Per scoprirlo ascoltate l’intervista fatta a Luca, cliccando qui:

[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2011/06/Buggio.mp3|titles=Buggio]

AUTORE: Luca Buggio

TITOLO: La danza delle marionette

EDITORE: La Riflessione – Davide Zedda Editore

ISBN: 9788862111751

PREZZO: 20,00 €

La danza delle marionette: Angus è un vampiro, un predatore che sceglie le prede con attenzione: solo chi fa del male ad altre persone. Le vittime delle sue vittime diventano i suoi protetti, prendersene cura lo fa sentire ancora vivo, amato. Umano. Ma ugualmente diviso tra un mondo a cui non sente di appartenere e uno che non lo riconosce più. Kerri non ha avuto una vita facile, la sua infanzia è un incubo che vorrebbe dimenticare. Angus l’ha tolta dalla strada e lei è cresciuta e diventata forte al suo fianco, fingendo di non accorgersi dei suoi tanti misteri. Galinder guida congreghe di vampiri dai tempi degli imperatori romani. Saggia guida per alcuni, spietato tiranno per altri. Indifferente alla sorte dei mortali, gli interessa soltanto mantenere il potere, alimentando gli intrighi che nascono alla sua corte. Malakith ha un unico scopo nella sua millenaria esistenza: sconfiggere Galinder una volta per tutte. Nessuno scrupolo rallenta il suo cammino. Porta tempesta e si lascia alle spalle distruzione. Suona la danza e le marionette si muovono a tempo di musica. Galinder e Malakith. I loro seguaci, i loro servi. Angus. E Kerri. Chi è che regge i fili?

Luca Buggio: Torinese dalla nascita, laureato in ingegneria, unisce alla sua attività lavorativa due grandi amori: il teatro e la scrittura.

Tradurre vampiri e mutaforma. Dal Fantasy ai romanzi rosa.

Domenica 15 Maggio, presso la Sala Professionali, Il Salone del libro di Torino ha organizzato la conferenza dal titolo Tradurre vampiri e mutaforma. Dal Fantasy ai romanzi rosa. Potevamo mancare? Potevamo perderci l’occasione di registrare il parere di illustri traduttori, editor e autori? Ovviamente no!!! Abbiamo così chiesto al Salone del libro il permesso di registrare la conferenza e di riproporvela.

Quindi se ve la siete perduta, non disperate, potete ascoltarla qui:

[audio:http://fantasyonair.improntadigitale.org/WP/wp-content/uploads/2011/05/FantasyRosa64.mp3|titles=FantasyRosa]

Tradurre vampiri e mutaforma. Dal Fantasy ai romanzi rosa

Intervengono: Alessandra Bazardi (Direttrice editoriale di Harlequin-Mondadori), Cristina Brambilla (autrice di romanzi per Salani, Mondadori e Piemme), Luca Fusari (traduttore della saga di Twilight), Chiara Marmugi (traduttrice della saga Twilight), Cristina Prasso (Direttrice editoriale edizioni Nord).

Coordina: Ilide Carmignani (traduttrice di Sepùlveda, Octavio Paz, Carlos Fuentes, Roberto Bolaño ecc.)


Ascolta R.I.D.

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930